Storia

Fin dalla fondazione, nell’anno 1572, il convento dei Cappuccini di Montughi in Firenze è stato dotato di una biblioteca conforme alle disposizioni legislative dell’Ordine dei Cappuccini. Con l’andare del tempo il primitivo nucleo librario si è ampliato notevolmente sino al periodo delle soppressioni, quella napoleonica del 1810 e quella dello Stato Italiano del 1866. Buona parte del patrimonio della biblioteca è stato però conservato perché trasferito in tempo presso privati e quindi sottratto alle soppressioni.

Successivamente la biblioteca è stata arricchita da nuove accessioni e nell’ultimo ventennio dal trasferimento dei fondi antichi a stampa che si trovavano in altri conventi cappuccini della Toscana.

La struttura della biblioteca ha subito una radicale trasformazione negli anni 1964-65, per mezzo della quale raggiunse il suo assetto definitivo.

I locali della Biblioteca constano di oltre 1000 mq. di superficie calpestabile, lo sviluppo lineare degli scaffali ha raggiunto la lunghezza di m. 2.500 circa.

La biblioteca possiede oggi circa 80.000 volumi, oltre una collezione di circa 3.000 opuscoli. Circa la metà dei volumi sono antichi, cioè anteriori al 1830. La biblioteca è dotata di un catalogo informatizzato e on-line (in continuo incremento per la catalogazione retrospettiva), oltre ad un catalogo cartaceo a schede mobili per autore, uno topografico e un catalogo per autore dei volumi di tutti i conventi della Toscana. Per gli incunaboli e le cinquecentine esistono tre cataloghi a stampa già pubblicati mentre per le seicentine un catalogo frutto di una tesi di laurea.

Il patrimonio librario è particolarmente ricco: spazia dalle opere di scienze storiche, letterarie, teologiche, bibliche, patristiche, pastorali, filosofiche, storia e cultura toscana, ecc. Un settore, particolarmente curato e specializzato è quello riguardante il Francescanesimo.

Fanno parte del materiale pregiato alcuni manoscritti, 60 incunaboli e oltre 2100 cinquecentine, 350 edizioni rare e una collezione di circa 3.000 opuscoli, e una collezione di circa 40 riviste ancora aperte e 45 chiuse.

La Biblioteca è stata aperta al pubblico, previo appuntamento, già alla fine degli anni ’90. E’ aperta tutte le mattine dalle ore 8,30 alle ore 12,30. Viene effettuato il prestito per il materiale conservato in buono stato e non anteriore al 1900. Il patrimonio librario è particolarmente ricco: spazia dalle opere di scienze storiche, letterarie, teologiche, bibliche, patristiche, pastorali, filosofiche, storia e cultura toscana, ecc.

Un settore, particolarmente curato e specializzato è quello riguardante il Francescanesimo.

La Biblioteca è dotata di varie attrezzature, come impianto antifurto, impianto antincendio, di deumidificazione e termoventilazione.

Vi è impiegata una persona a tempo indeterminato dal 2003, per 30 ore settimanali.

La Biblioteca Provinciale dei Cappuccini è di proprietà dell’Ente Morale Provincia Toscana dei Frati Minori Cappuccini